Blog: http://mistaisulblog.ilcannocchiale.it

Il diavolo!

Quanti nomi per il demonio?
Quante origini per questi nomi?
In teoria la chiesa dice che è sempre la stessa.
Satana, baal, belzebù, azazel sono i primi che mi vengono in mente per la "fonte di tutto il male della terra" colui che il messia sconfiggerà (anche se nessuno mi ha ancora spiegato com'è che se il messia è venuto 2000 anni fa e non l'ha sconfitto che messia sarebbe).
Una gran balla in definitiva.

In teoria tutto ciò che desidera è rubare l'anima di tutti noi per portarci all'inferno, se è così glie la offro su un piatto d'argento può venirsela a prendere da adesso fino al momento in cui metto on line l'articolo.

Un trucco da baraccone sta frase, dal vivo l'ho detta un casino di volte mettendo "entro dieci secondi" come limite.
Certe facce quando al tre fingevo uno svenimento. ani_biggrin.gif

L'anima sembra che sia ancora al suo posto nonostante tutto, che cosa strana.

Ma torniamo all'argomento:
Satàn, compare per la prima volta nel culto Jawhista (ebraico di jhwh o Javèh) quale angelo esecutore degli ordini di dio, significato del nome: "colui che avversa" è l'angelo che distrugge sodoma e gomorra. come testimonia l'episodio biblico di giobbe Dio era fonte tanto del male quanto del bene in quell'epoca.
Poi lo Jawismo fa la conoscenza con zarathustra e il suo Ahura Mazda, il cui culto prevede la netta divisione tra bene e male, la promessa della venuta di un messia "che sconfiggerà il male" e una vita di tale messia che è identica a quella di Gesù Cristo il Messia (nome che per inciso tradotto è Yeoshua Christos Mashiah parole che significano Salvezza-di-dio Unto(del signore?) l'Unto(del signore?), isomma non un nome proprio ma tutte apposizioni) che nascerà da vergine, avrà dodici apostoli, sarà chiamato il pastore, la via, trasfigura nel sole, morirà e risorgerà dopo tre giorni, nasce il 25 dicembre e se ne festeggia la nascita ogni anno (non gesù, Ahura mazda, questa è la vita di Ahura Mazda, capito?). In questa religione per inciso c'è un simpatico demonio di nome azazel, che ritroviamo nella bibbia, libro del levitico quando viene istituito il rito del capro espiatorio, dio ordina a mosè di portarne uno pure ad azazel (solo ed unico capitolo che ci parli di azazel; poi non si spiega sta cosa del capretto a un demone della religione mazdeista... chissà forse dio era pagano?).
Solo dopo questo contatto si comincia a parlare di dio come fonte del bene e di satana come fonte del male.

Ma voi mi direte Baal e Belzebù vengono prima e non sono satana.
Io rispondo: infatti non sono nomi del diavolo.
Baal significava solo "signore" ed indicava in termini dispregiativi il capo di una comunità avversa agli ebrei (re duca patriarca o quasiasi altro tipo di capo, nella bibbia ce ne sono almeno tre diversi); Belzebù poi è la deformazione di Baal-Zeobub il signore "delle mosche" ma zeobub è la presa in giro del nome della città di Zeobul quindi Belzebù = il signore della città di Zeobul.

Tutte le informazioni sono prese dal libro di Roberta Grillo "il principe di questo mondo" che reca una entusiastica prefazione firmata dal card. Tettamanzi.

Ultimo dettaglio: le zampe di capra, corna e pizzetto inclusi gli sono state attribuite quando per una remota derivazione del culto bacchico la capra (il satiro) era diventata simbolo dei culti misterici (che vennero infilati nella definizione di stregoneria quando non si chiamavano templari prima o massoni poi).

Pubblicato il 24/12/2005 alle 11.37 nella rubrica Cultura.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web